• 0 Items - 0.00
    • Nessun prodotto nel carrello.

Autore

RIZZI ENZO

Enzo Rizzi (1963), creatore di Heavy Bone, il serial killer di rockstar. A 18 anni esplode la sua passione più grande: la musica, in particolare quella per l’Heavy Metal (Alice Cooper e Kiss le sue band preferite in assoluto). Questi gruppi cominciano ad apparire ai suoi occhi come i classici villains del mondo del fumetto, e così Enzo inizia a “disegnare metal”, prima per alcune fanzine e poi per un paio di riviste. Sono queste le basi sulle quali avrebbe trovato le fondamenta il personaggio di Heavy Bone, che finisce, con il passare del tempo, col catturare l’attenzione di tanti appassionati di fumetti e di musica, attirati dal suo umorismo nero, dalla violenza tanto esasperata da risultare grottesca e da alcuni momenti di “sex & drugs” che, naturalmente, non potevano mancare in un fumetto così fuori dagli schemi. Rizzi comincia così a creare l’universo di Heavy Bone, cominciando con una miniserie di quattro albi (Inksteria). Intanto collabora con i Fan Club italiani di Kiss, Aerosmith, Queen e Metallica nonché con le riviste metal Flash e Rock Hard. Sue illustrazioni vengono poi pubblicate su alcuni Almanacchi della paura di Dylan Dog, su H/M, Metal Hammer, Hard e Metal Shock. È grazie al suo Heavy Bone, prima con La storia del metal a fumetti e successivamente con La storia del Rock a fumetti (entrambe targate Edizioni NPE) che, nel 2014, vince il Gran Premio Autori ed Editori/Fullcomics & Games nella categoria “Miglior Autore Italiano”. Collaboratore del portale True Metal e della rivista Heavy Metal, realizza anche copertine, poster, locandine, T-shirt, gadgets e mascotte per diversi gruppi rock/metal. Nel 2016 crea la sua personale etichetta editoriale, Heavy Comics, con cui lancia una nuova miniserie dedicata al killer di rockstars più famoso del mondo del fumetto.

Libri dell'autore

HEAVY BONE: ZOMBIE ROCKSTAREdizione Regular

In PREVENDITA, SCONTATO e con la spedizione GRATUITA solo fino al 31 Ottobre (le spedizioni inizieranno il 31 ottobre)

26.50

Ricco di riferimenti, citazioni e omaggi al rock’n’roll circus (Alice Cooper, Elvis, Kiss, W.A.S.P., Led Zeppelin, Eric Clapton, Judas Priest, Foo Fighters, Jimi Hendrix, John Lennon, Kurt Cobain, Slayer e tanti altri), Heavy Bone: Zombie Rockstar è il nuovo volume a fumetti di Enzo Rizzi, già autore del best-seller La grande Storia del Rock e del Metal. Con Heavy Bone, lo zombie metallaro serial killer di rockstar, Enzo Rizzi ha voluto dare un volto alla maledizione del rock, conosciuta come il “Club 27”.

Cosa c’è dietro al Club 27, la serie di morti precoci che ha colpito la storia del rock? La misteriosa coincidenza che ha visto star come Jimi Hendrix, Janis Joplin, Kurt Cobain e Jim Morrison lasciare questa Terra poco prima dei trent’anni ha da sempre affascinato le nutrite schiere di fan e musicologi, alimentando leggende e complottismi. Nessuno, però, aveva mai ipotizzato una causa articolata, divertente e fuori di testa – e con indiscusso spirito trash – come quella che si sviluppa nel fumetto in questione. Il volume si sviluppa su due piani di lettura: quello narrativo – in cui seguiamo le vicende dello zombie e il suo rapporto con le vittime, i carnefici e i cacciatori – e quello dei rimandi e delle citazioni in cui si gioca a riconoscere volti, nomi e situazioni. Alcune trovate narrative si rifanno ad aneddoti realmente raccontati dalle rock star, come quella volta in cui Alice Cooper puntò una pistola alla testa di Elvis Presley. Il tono del racconto non lesina contenuti espliciti, un linguaggio politicamente scorretto e un gusto assolutamente libero da pregiudizi, e l’intera storia è una metafora di quella grande energia che brucia nell’animo e nello stomaco dell’artista, che lo conduce verso un’inevitabile autodistruzione, di cui lo zombie di Enzo Rizzi è un tragicomico testimone e acceleratore, voce narrante della storia del rock che non risparmia alcun dettaglio.

Copertina di Glenn Fabry (Batman, Thor, Preacher). Testi di Enzo Rizzi, disegni di Piero Angelini, Emanuele Boccanfuso, Fabrizio Galliccia, Gero Grassi, Nathan Ramirez, Federico Perrone. Completa il volume una gallery dedicata al personaggio di Heavy Bone, con le illustrazioni di Alfonso Elia, Onofrio Catacchio, Ettore Averna. Postfazione di Steve Sylvester.

ZARTANALo stregone blues

12.00

È possibile combattere il Diavolo suonando la sua stessa musica? In ZARTANA, la sua nuova creazione, Enzo Rizzi (già “padre” di Heavy Bone, il serial killer di rockstar) ha messo su carta tutto il suo amore sconfinato per gli Spaghetti Western, per il genere pulp alla Tarantino e soprattutto per la musica blues, che qui nelle mani del protagonista diventa una vera e propria arma per combattere il Male. Tra licantropi, zombi, vampiri e bellissime donne in abiti succinti, il lettore dovrà prestare la massima attenzione nello schivare i proiettili (nonché gli arti, il sangue e le frattaglie).

Dalla prefazione di Stefano Fantelli: “Ecco a voi Zartana, è arrivato. Si sposta nel West più elettrizzante e pericoloso che possiate immaginare, per combattere il male e distruggerlo. Zartana falcia gli zombie e i licantropi con il fuoco delle sue pistole e li rimanda all’inferno facendogli sprizzare sangue sulle pagine che state per leggere. Sangue nero come la bocca di una Colt, nero come l’anima di un posseduto, nero come il buco del culo del demonio. E dopo aver letto questo volume diventerete anche voi fan di Zartana come lo sono io, potete scommetterci gli stivali!”

ZARTANALo stregone blues - Edizione Variant "Cover Stefano Cardoselli”

12.00

È possibile combattere il Diavolo suonando la sua stessa musica? In ZARTANA, la sua nuova creazione, Enzo Rizzi (già “padre” di Heavy Bone, il serial killer di rockstar) ha messo su carta tutto il suo amore sconfinato per gli Spaghetti Western, per il genere pulp alla Tarantino e soprattutto per la musica blues, che qui nelle mani del protagonista diventa una vera e propria arma per combattere il Male. Tra licantropi, zombi, vampiri e bellissime donne in abiti succinti, il lettore dovrà prestare la massima attenzione nello schivare i proiettili (nonché gli arti, il sangue e le frattaglie).

Dalla prefazione di Stefano Fantelli: “Ecco a voi Zartana, è arrivato. Si sposta nel West più elettrizzante e pericoloso che possiate immaginare, per combattere il male e distruggerlo. Zartana falcia gli zombie e i licantropi con il fuoco delle sue pistole e li rimanda all’inferno facendogli sprizzare sangue sulle pagine che state per leggere. Sangue nero come la bocca di una Colt, nero come l’anima di un posseduto, nero come il buco del culo del demonio. E dopo aver letto questo volume diventerete anche voi fan di Zartana come lo sono io, potete scommetterci gli stivali!”